Grande successo, nella prestigiosa location del Marina del Nettuno di Messina, per “Una finestra sul mondo” la festa del dialogo tra i popoli attraverso cibo tipico, canti e danze. Alla presenza del sindaco di Messina Federico Basile e di gran parte della Giunta Comunale è andata in scena l’inclusione multietnica attraverso il cibo. L’iniziativa voluta da Padre Giovanni Amante della Chiesa Ortodossa insieme alla Prof.ssa Antonina Sidoti Presidente della Fondazione ITS Albatros ed il ristorante guidato dallo chef Pasquale Caliri al fine di sollecitare il dialogo interculturale tra le diverse etnie presenti nel nostro territorio metropolitano. Cooking show con piatti tipici messinesi come lasagne, focaccia, cannoli, ma anche Nalinsnik e Shuba, pietanze ucraini o Pansit Bihon filippini, si sono alternati a danze e canti tipici di terre lontane che hanno impegnato in questo scambio interraziale la comunità filippina, la ortodossa ucraina e l’italiana.

Recommended Posts